Stickers

stickers

 

Allora, chi si massacra leggendo i miei post sa che ho una certa avversione per la tecnica del cerotto (e invito tutto il mondo a leggere il post sui cerotti curativi, lo trovate qui).

Oggi non vi voglio ammorbare con i cerotti. Oggi è la giornata degli stickers!

La mia riflessione sugli stickers nasce da una passeggiata con la cara Claudia, che ha la peculiarità di dire cose che riescono a farmi pensare.

Mentre dribblavamo volpini di pomerania per evitare che il mio cane se li mangiasse, Claudia se ne esce più o meno con una frase così: “Non puoi mettere l’adesivo di una cosa bella davanti a una brutta.”

Ah! E perché no?

Non è un’idea meravigliosa dipingere il mondo di colori sgargianti quando tutto è cupo? (Risposta: No, quando dopo poco il colore comincia a scrostarsi e ti rendi conto che la tinta non ha preso bene.)

Non è una buona soluzione appiccicare l’immagine di una persona sopra quella di un’altra che vorresti dimenticare? (Risposta: No, quando l’immagine nuova si fonde alla precedente creando un ibrido spaventoso.)

Non possiamo mettere un adesivo sopra tutto quello che non ci piace, quello che ci suona scomodo, quello che vorremmo non fosse mai accaduto, sulla nostra faccia quando non vorremmo far capire quello che proviamo, sulla bocca della collega rompiballe che non la smette di parlare, sulla muffa in bagno?

NO! NO! NO! Non lo possiamo fare!

Cioé, sì, lo possiamo fare (ci mancherebbe, siamo mica una dittatura). Lo facciamo continuamente.

Ma ricorda una caratteristica fondamentale degli stickers: a meno che non siano stati incollati da mio figlio in qualche luogo improbabile, hanno la tendenza a staccarsi, rovinarsi e lasciar trasparire il marcio che nascondono.

Abbiate cura di voi e degli stickers che vi metterete in faccia.

 

4 Comments

  1. Il fatto è che potremmo anche metterci su un bell’adesivo ma poi quando comincia a staccarsi lascia la colla tutt’intorno, i contorni diventano sbiaditi così come i colori. Il risultato è che ciò che non ti piaceva ed hai cercato di coprire diventa ancora più inguardabile….

  2. “non basta coprire di panna montata una merda per farci una torta da matrimonio” – Stephen King

Rispondi a TuPi (@doppiopasso) Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *